Serramenti e infissi: le domande più frequenti

Quali sono le domande più frequenti relative agli infissi e ai serramenti da parte dei consumatori? 

Scoprilo con Df Serramenti, azienda rinomata sul territorio di Albignasego.

  1. Quanti anni durano gli infissi?

    Gli infissi, soprattutto quelli in pvc, non hanno una scadenza. Con una semplice ma costante manutenzione di pulizia delle superfici e della struttura portante, possono durare illimitatamente. 

  2. Che tipo di manutenzione richiedono infissi e serramenti?

    Questi fondamentali elementi della nostra abitazione richiedono una periodica e accurata pulizia con acqua e detergenti neutri, nel caso del pvc o dell’alluminio. Questo procedimento comprende: spolverare le chiusure, oliare i cardini, pulire le guarnizioni in gomma.
    Riguardo al legno sarà opportuno applicare un prodotto protettivo liquido da passare con un panno una o due volte all’anno.

  3. Come capire se un’azienda è affidabile?

    Molto semplice. Esistono delle specifiche certificazioni per verificare le qualifiche possedute da un’azienda e capire se ci si può fidare oppure no.

  4. Quando è necessario cambiare gli infissi?

    Quando ci si rende conto che non sono più a tenuta. Cioè disperdono calore all’esterno e consentono ai rumori e all’aria di penetrare in casa.

  5. Dove bisogna smaltire gli infissi?

    I vecchi infissi devono essere smaltiti nelle aree dedicate a seconda delle normi vigenti nel proprio comune.

  6. Il pvc ingiallisce col tempo?

    No. Il pvc oggi viene ormai realizzato con materie prime di eccellente qualità che consentono ai nostri infissi e serramenti di non subire gli effetti negativi del sole e degli agenti esterni. 

Prenota una consulenza da noi.

Serramenti: legno o pvc?

State pensando di cambiare i vecchi serramenti. Ma non sapete se scegliere quelli in legno oppure quelli in pvc.
In vostro soccorso arriva Df Serramenti, leader ad Albignasego per i serramenti, con tutti i consigli, caratteristiche, pro e contro di questi due materiali. Clicca qui per approfondire. 

Pronti?

Legno

Il legno è un materiale naturale che dona immediatamente eleganza, raffinatezza e bellezza alla tua casa. A dispetto del sentire comune, il legno è anche il materiale che richiede il fabbisogno energetico minore in fase di produzione. Insomma, di certo non saremo colpevoli della deforestazione del pianeta a causa delle nostre finestre.
Si tratta di un isolante naturale sia termico che acustico che può durare anche fino a 35 anni. È, inoltre, il materiale con le prestazioni energetiche migliori. 

Ovviamente il legno soffre gli agenti atmosferici e il calore del sole. Per questo motivo è necessaria una manutenzione pignola e metodica.

Pvc

Il pvc è un materiale di origine plastica, scelto spessissimo per le sue caratteristiche di resistenza (ai fattori climatici e naturali) e di isolamento.

È un materiale molto leggero e può essere lavato facilmente. Può essere realizzato in moltissime finiture diverse, adatte a tutti gli stili, fino anche a ottenere il cosiddetto “effetto legno”. Può durare tra i 20 e i 25 anni ed è sicuramente molto economico dal punto di vista dei costi. 

Anche gli infissi in PVC non sono esenti da svantaggi, tra cui la facilità a scolorirsi con l’esposizione continuata al sole.

 

Prenota una consulenza da noi.

Oscuranti: i modelli, i vantaggi, il design

Df Serramenti, azienda leader ad Albignasego (Padova) con esperienza ventennale nell’installazione dei serramenti, tiene molto ad aggiornare in modo scrupoloso i suoi clienti in merito ai pro e ai contro di ogni tipo di serramento. Per un’informazione quanto più completa ed esaustiva possibile. Oggi, infatti, parleremo dei vantaggi degli oscuranti. 

Vetrate sì ma…

Abbiamo, negli ultimi tempi, parlato dei grandi benefici derivanti dalle vetrate, ottime per riempire i locali di luce e tepore, per una casa luminosa e super panoramica.

Alcuni piccoli svantaggi delle grandi finestre sono però il forte irraggiamento solare e un’esposizione costante a sguardi importuni.

Per questo esistono i sistemi oscuranti, in grado di mantenere il giusto livello di illuminazione e sicurezza.

Quanti tipi di oscuranti esistono?

  1. Oscuranti in pvc
  2. Oscuranti in alluminio
  3. Oscuranti in legno

Riguardo ai primi, in pvc, sono decisamente caratteristici dei nostri territori. Sono dotati di rinforzi metallici interni, risultano stabili e resistenti e non necessitano di una manutenzione ordinaria.

Gli oscuranti in alluminio, invece, garantiscono un eccellente isolamento sia acustico che termico. Sono robusti, moderni e oggettivamente belli.

Gli ultimi, quelli in legno, impediscono il completo passaggio della luce. Sono eleganti, suggestivi, realizzati con essenze di larice, abete, pino, rovere. Rappresentano una scelta di classe e hanno una funzione sia pratica che decorativa.

 

Prenota una consulenza da noi per conoscere le caratteristiche specifiche di tutti i modelli. Per una scelta oggettiva, ampia e scrupolosa.

Quale zanzariera scegliere? Tutti i pro e i contro

L’estate è arrivata. Te ne sarai certamente accorto dal caldo e dal ritorno sgradito delle zanzare.
Come dici? Non hai ancora installato una zanzariera e sono giorni che ti chiedi “meglio tenere la finestra aperta e scongiurare un microclima desertico oppure tenerla chiusa per lasciare fuori le zanzare?

Se hai preso la tua decisione e aspetti solo di capire quale zanzariera scegliere, ecco i nostri consigli e i pro e i contro delle principali soluzioni.

Zanzariere a rullo

Pro: sono le più comuni, le più facili da montare. Non troppo costose. Puoi trovarle dappertutto.
Contro: Non vanno bene per finestre troppo piccole.

Zanzariere elettriche

Pro: utilizzate per gli esterni, intrappolano le zanzare all’istante. Decesso garantito.
Contro: non funzionano in mancanza di elettricità. Inoltre, potreste rischiare di fulminare anche quelle dolci farfalle che allietano il giardino oltre ad avere un fastidioso odore di bruciato.

Zanzariere magnetiche

Pro: Praticissime, economiche, super diffuse.
Contro: Difficilmente adattabili a misure che fuoriescono dagli standard.

Zanzariere fisse

Pro: Usate per “finestre particolari” (oblò, lucernari, ecc…) che non vengono aperte spesso.
Contro: Complesse da aprire e chiudere quando lo si vuole.

Qual è la zanzariera adatta alla tua abitazione e alle tue finestre?

Prenota una consulenza da noi.

I TREND 2019 PER IL TUO ARREDAMENTO DA ESTERNO

Come sai Df Serramenti si occupa anche della progettazione degli spazi verdi. 

Ma quali sono i trend 2019 in merito all’arredamento del giardino da cui farsi ispirare?

Df Serramenti opera su piccoli terrazzi fino ad arrivare a grandi aree verdi.

Preso atto del clima della zona e dunque della tipologia di flora adatta al luogo, la nostra progettazione comprende la scelta delle piante, dei fiori, delle strutture esterne, pavimentazioni, arredi, e accessori, realizzabili in modo del tutto personalizzato. 

Ci serviamo di software specifici che danno la possibilità di visionare il progetto in tridimensionale.

Realizziamo balconi, terrazze, giardini, focalizziamo la nostra attenzione sulla giusta scelta dei materiali e delle piante, realizzando un design raffinato, sbarazzino e originale. Adatto al modo di essere dei nostri clienti, alle caratteristiche dell’abitazione.

Sei pronto a scoprire i trend 2019 per il tuo originale arredamento da esterno?

  1. COLORI: Niente colori caldi (benchè sia ormai Giugno), ma neanche colori freddi. Il must di quest’anno sono i colori neutri. Puoi dare però libero sfogo alla tua creatività con gli accessori: cuscini, lampade ecc…
    Pare che il colore pantone del 2019 sia il corallo!
  2. PAVIMENTO: No a piastrelle piccole e strette. Antiche. Per il tuo giardino/terrazzo dovrai scegliere mattonelle grandissime e ampie. Fanno subito moderno, pratico, chic.
  3. MATERIALI: I materiali prediletti sono: metallo, vimini, corda, legno. Per un aspetto vintage, elegantemente “vissuto”. Super originale.
  4. ACCESSORI: Dici addio alle vecchie, tristi sedie di plastica o gli sgabelli da cocktail bar degli anni Novanta. Nel 2019 le sedute saranno ampissime, comode, quasi raso terra. Pare che l’altezza delle credenze da esterno non supererà i 120 cm.
  5. TESSUTI: Obbligatoriamente impermeabili. Più pratici. Più facili da pulire.
  6. STRUTTURE: Nel 2019 i pergolati e i gazebo non godranno di molta fortuna. Si prediligono strutture che incorporano grondaie, tubature all’interno dei pilastri.
  7. PRATO: Il trend 2019 sarà il prato con foglie più spesse, per un aspetto più rustico, con un’altezza di taglio da 1,7 a 2,5 cm. Livello di manutenzione: bassissimo. 

Contattaci per una consulenza.

I BENEFICI DELLE VETRATE SCORREVOLI

Quali sono le caratteristiche e i benefici delle vetrate scorrevoli?

Scopriamoli insieme.

Innanzitutto, le vetrate scorrevoli rendono, nell’ambito di una ristrutturazione, la casa molto più luminosa e otticamente spaziosa.
Se, inoltre, si ha a disposizione un lussureggiante giardino e magari anche un’ampia piscina, che cosa meglio di una elegante vetrata può metterli in risalto e contribuire alla bellezza della propria abitazione?

Spesso, infatti, ciò che rende mozzafiato una casa è proprio il panorama.
Attenti però alla posizione.

Bisogna riflettere bene sul grado di esposizione della casa per evitare un surriscaldamento più che sgradito.
Il consiglio è di posizionare la vetrata a favore del tramonto, per un’atmosfera romantica e avvolgente.

Ma vediamo più nello specifico quali sono i tre grandi benefici di questo tipo di vetrate.

  • Le vetrate creano uno spazio isolato e permettono alla temperatura di mantenersi costante, quindi moderano la dispersione di calore generando un cospicuo risparmio sulla bolletta. 
  • Le vetrate sono massicce e inossidabili, quindi adatte a durare nel tempo e a resistere alle intemperie delle stagioni.
  • Le vetrate scorrono su binari a pavimento quindi è assai semplice spostare le ante anche in vista delle pulizie e inoltre riducono l’umidità mantenendo in salute i muri esterni.

Esplora sul nostro sito la nostra selezione di vetrate.

Contattaci per una consulenza.

Porte Blindate Bauxt: sicurezza anti-effrazione

COSA ASPETTI A SENTIRTI SICURO?

Le porte blindate

Una porta blindata è un particolare serramento dotato di caratteristiche anti-scasso e dunque anti-intrusione. Queste porte sono infatti in grado di resistere a tentativi di rapine, colpi d’arma da fuoco e urti di qualsiasi genere. Sono dotate di telaio, controtelaio, struttura interna, pannello interno ed esterno. 

Nell’ultimo decennio l’utilizzo di questo tipo di porte ha subito una poderosa impennata.

Ma come si sceglie la porta blindata che fa per noi? 

Naturalmente, bisogna preventivamente stabilire le caratteristiche del proprio contesto abitativo, posizione, illuminazione, frequenza del passaggio pedonale e fare una prima cernita tra porte più adatte a un ambiente condominiale oppure porte congeniali a un ambiente esterno (villette ecc…)

In secondo luogo, per verificare il grado di sicurezza della nostra porta blindata, è necessario superare un test che va ad analizzare determinate peculiarità quali la serratura della porta, la blindatura e l’isolamento termo acustico.

Esistono a questo proposito ben sei classi di sicurezza delle porte blindate:

Classe 1: per scassinatori improvvisati che utilizzano esclusivamente la forza fisica.

Classe 2: per scassinatori poco esperti equipaggiati con coltelli oppure tenaglie.

Classe 3: per ladri semi esperti coadiuvati da strumenti come piedi di porco.

Classe 4: per scassinatori esperti che utilizzano con una certa maestria seghe oppure scalpelli.

Classe 5: appartengono a questa classe le porte blindate che vengono montate nelle banche o nelle gioiellerie.

Classe 6: livello di sicurezza atto a contrastare scassinatori professionisti.

Non bisogna dimenticare, inoltre, l’efficacia del serramento in questione contro lo smog e le intemperie e la capacità di isolamento termico che si misura in base alla trasmittanza termica, valore che indica la dispersione di calore attraverso la porta. 

Scopri sul nostro sito le caratteristiche di base dei nostri blindati, scorri le foto per prendere nota dei requisiti estetici in sintonia con il tuo gusto personale e l’ambiente in cui la tua casa è ubicata.

Fissa un appuntamento con noi.

Come pulire il pavimento in laminato

COME PULIRE IL PAVIMENTO IN LAMINATO

Il pavimento in laminato, detto anche parquet stratificato o “finto parquet”, viene realizzato sovrapponendo tra loro strati di materiale pressofusi, tra cui uno in fibra di legno, un film protettivo contro l’usura, una stampa decorativa con la trama scelta per la decorazione e in ultimo una carta controbilanciante. 

ln questo modo viene protetta la fibra di legno centrale evitando che il calpestio la logori. Questa tipologia di pavimento è ideale non solo per le abitazioni, ma anche per gli uffici e in generale per tutti i luoghi in cui vi è un fitto passaggio di persone.

Questo gli conferisce il suo aspetto finale dotato di una grande resa estetica unita a praticità. Per questo viene usato spesso per pavimentare anche stanze da bagno e cucine. 

Inoltre il laminato è una soluzione semplice e arguta per rivestire le superfici senza essere costretti a smantellare il precedente pavimento.

Il laminato, a differenza del parquet tradizionale, resiste molto meglio all’usura e alle macchie. Per questo in molti lo adottano per avere in casa la bellezza e l’eleganza di un pavimento in legno senza però confrontarsi con i fastidi e le noie del legno!

Come si pulisce un pavimento in laminato?

Per togliere i residui dello sporco di tutti i giorni sarà opportuno utilizzare un panno in microfibra o, in alternativa, una scopa con setole morbide (un trucco può essere ricoprire le setole con un panno oppure con una calza di nylon). 

Per ottimizzare i tempi è possibile usare l’aspirapolvere. 

Il laminato si lava?

, ma bisogna badare al fatto che l’acqua non ristagni! Perciò, usate un panno ben strizzato. Potete utilizzare all’occorrenza un detersivo neutro.
Evitare categoricamente acqua bollente, prodotti a base di ammoniaca, spugne abrasive, cera e lucidi. Un buon detergente naturale può essere un bicchiere d’aceto disciolto in acqua.
Bisognerà lavare il laminato facendo dei movimenti accurati e longitudinali. Muoversi a zig zag.
Se vi imbattete in macchie particolarmente ostinate, potete aiutarvi con una goccia di detersivo per i piatti. 

Scorri sul sito la nostra collezione di pavimenti in laminato e confronta le caratteristiche!

PAVIMENTI IN LAMINATO

CONTATTACI