Uno scrigno dalle infinite personalità: per pareti in muratura e cartongesso

Lo stile minimale degli interni è ottenuto anche grazie allo studio e alla realizzazione di sistemi e meccanismi innovativi, spesso invisibili, che consentono l’effetto a “scomparsa” di molti elementi costruttivi presenti negli ambienti. Scrigno Gold Base, disponibile per pareti in muratura e cartongesso in più spessori e in altezze variabili al centimetro (fino a 270 cm), è la nuova porta scorrevole con sistema modulare a scomparsa innovativo in particolare per i suoi componenti. Il cassonetto di questo modello è in Aluzinc®, un brevetto originale Scrigno, che si connota per l’ottima resistenza alla corrosione di uno speciale rivestimento composto principalmente da una lega di alluminio e zinco, che lo rendono un materiale adatto anche ad ambienti particolarmente aggressivi, riducendo gli interventi per manutenzione. Il fianco del controtelaio è poi composto di moduli in grado di assorbire le dilatazioni dovute al contatto tra materiali diversi tra loro, come per esempio il cemento e l’acciaio. Questo implica numerosi vantaggi per il posatore, perché velocizza l’installazione e garantisce una migliore omogeneità della rifinitura della muratura del controtelaio. I fianchi sono, inoltre, dotati di una grecatura verticale, che conferisce una maggiore rigidità al telaio, impedendo al contempo il distacco dell’intonaco, un’ulteriore semplificazione al momento della posa derivata dai fianchi. Per le versioni intonacabili e in aggiunta, Scrigno ha dotato i modelli di una rete porta intonaco in acciaio zincato fissata al fianco senza punti di saldatura per evitare affioramenti di ruggine. Mentre per il montaggio nelle pareti in cartongesso ha inserito rinforzi orizzontali nei fianchi per agevolare il fissaggio delle lastre. Tutte queste predisposizioni facilitano l’installatore nel lavoro di posa e ottimizzano le operazioni sia d’intonacatura sia di finitura in cartongesso. Infine, il profilo superiore del cassonetto è provvisto di porta-guida e molla di aggancio, che consentono di inserire il traverso in posizione ottimale e senza l’utilizzo di viti o chiodi.

Fonte: Il giornale del Serramento (F.C., 28 Febbraio 2018)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *